01/17/14

I giovani reclamano un’alternativa sociale, nascono “I cosiddetti sani”

Vivere è nascere in ogni istante

Amici, oggi, grazie all’energia positiva che ognuno di voi emana e allo spirito che manifesta, leggendo, commentando e criticando i miei post, ho ufficialmente inaugurato un gruppo d’alternativa sociale, “I cosiddetti sani”, allo scopo di avvicendarci da un punto di vista non solo professionale ma umano, in maniera costruttiva…

Sempre più spesso la routine ci omologa e stereotipizza, intrappolandoci in quel modus vivendi cui è difficile sfuggire. Un modo d’interpretare i preziosi momenti di svago che abbiamo a disposizione che non si confà alla natura, al carattere, ai bisogni e agli istinti a noi connaturati. Certo che l’espressione “tempo libero” non indichi quella di “tempo gettato”, mi impegno ad rivendicare un’alternativa di cui tanti di noi necessitano.

Ebbene, “I cosiddetti sani” nascono dall’esigenza di uscire dalla miope logica del divertimento inteso come drink, bar e discoteca, per entrare in una nuova che trova nella cultura e nell’esplorazione il suo cuore pulsante.

Nel weekend, talvolta in settimana, ci adoperiamo per organizzare spettacoli teatrali, cinema, visite culturali, mostre, viaggi in Italia e all’estero, esperienze particolari e singolari, ma anche aperitivi ed appuntamenti mondani che abbracciano tale principio.
Il gruppo è aperto a chiunque abbia voglia di trascendere i luoghi comuni che inevitabilmente ci delimitano e che, alla lunga, degradano l’identità di ognuno.
Benvenuti!
Il Capitano,
Claudio

01/2/14

Papa Francesco 2014: “Casa, giustizia, pace” …lavoro

Checco ’14

Amici: “Il Signore ci conceda la pace all’inizio di un nuovo anno”. È stata l’apertura della liturgia celebrata da Francesco a San Pietro nel primo giorno del 2014. “Sono – ha continuato – parole di forza, di coraggio, di speranza. Non una speranza illusoria, basata su fragili promesse umane, neppure una speranza ingenua che immagina migliore il futuro semplicemente perchè è futuro”. 

Egli ha poi affidato a Maria: “Il grido di pace delle popolazioni oppresse dalla guerra e dalla violenza, perché il coraggio del dialogo e della riconciliazione prevalga sulle tentazioni di vendetta, di prepotenza, di corruzione”. 
“Dobbiamo cominciare da casa con la giustizia e la pace”, ha sottolineato.

…Casa, giustizia e pace. Tre elementi che non possono prescindere dal benessere delle nuove generazioni, che nasce dal lavoro.

Casa, giustizia, pace… lavoro.